venerdì 31 gennaio 2014

Emma all'Eurovision Song Contest, dove vanno “quelli bravi”

Il ritorno dell'Italia all'Eurovision Song Contest nel 2011, dopo un' assenza a 13 edizioni, è passato dal Festival di Sanremo.
Allora l'annuncio del rappresentante nazionale alla kermesse canora continentale avvenne infatti sul palco dell'Ariston: toccò a Gianni Morandi pronunciare il nome di un quasi sconosciuto Raphael Gualazzi, vincitore della sezione giovani. E così nel 2012 e nel 2013, quando furono scelti Nina Zilli e Marco Mengoni. Un tris d'assi, con un secondo, un nono e un settimo posto.
Il nome dell'asso di questo anno non passerà invece da Sanremo.
La RAI ha già scelto: a rappresentare il tricolore nazionale a Copenaghen sarà Emma Marrone (nella foto a fianco tratta dal sito http://euromusica.org) con la canzone 'La mia città' (nel video sotto).



Una mossa forse attesa: la cantante salentina, ma nata a Firenze nel 1984, trionfatrice nel 2009 ad Amici e nel 2012 a Sanremo, è stata designata grazie anche ai numerosi altri riconoscimenti nazionali ed esteri, come il MTV Europe Music Award, e per il discomultiplatino con l'ultimo album Schiena, da cui sono stati estratti alcuni singoli di successo, come 'L'amore non mi basta', e adesso la canzone che parteciperà all'Eurovision Song Contest dove, ha dichiarato “ci vanno quelli bravi”.

(NdR: da non dimenticare nemmeno le ns Preview azzeccatissime sulle sue vittorie a Sanremo 2012 e 2011 così come i nostri 'Tormento' del Dicembre 2011, dell'Aprile 2010 firmati proprio da lei)


 “La mia città è la vera Emma, avevo voglia di tornare alla musica, l'elettronica acid”: con queste parole la cantante non ha nascosto la gioia alla notizia - confermata durante l'intervista a Edicola Fiore e nei vari tg - che sarà proprio lei a “volare” verso la capitale danese, come fece eseattamente cinquanta anni fa Gigliola Cinquetti che, con 'Non ho l'età', ci regalò la prima vittoria all'Eurofestival.

Il brano, di cui Emma è anche autrice, descrive i ritmi frenetici della città dove, tra instabilità e fughe, c'è la ricerca di un amore (“E corro corro avanti e torno indietro […], voglio te”).

Alla felice coincidenza con l'anniversario della vittoria della Cinquetti, si accompagna anche un altro ben augurante riscontro: Emma, contrazione di Emmanuela, porta lo stesso nome della vincitrice danese dello scorso anno, Emmelie De Forest.

Nel frattempo, dalle selezioni nazionali stanno per uscire i nomi anche degli altri rappresentanti dei 36 paesi in gara, alcuni già noti da qualche settimana.

L'evento si svolgerà a maggio: il 6 e l'8 ci saranno le semifinali (diretta su RAI4) e sabato 10 la finale (diretta su RAI2), a cui Emma accederà di diritto, secondo lo statuto dell'EBU (European Broadcasting Union), insieme ai colleghi della Francia, della Spagna, della Germania, della Gran Bretagna e della Danimarca, paese ospitante.


Claudio Casini 

ARCHIVIO: Eurofestival 2013 (i servizi su MusiclandBlog e su questo portale)