martedì 19 maggio 2015

Eurovision Song Contest 2015: le prime 10 qualificate alla finale di sabato 23



A seguire le prime 10 nazioni qualificate:

Albania, Armenia, Russia, Romania, Ungheria, Grecia, Estonia, Georgia, Serbia e Belgio.

Stefano Barsotti

Eurovision Song Contest 2015: parte la gara. Stasera 1a semifinale.


Dopo il red carpet di domenica pomeriggio, dove hanno sfilato le quaranta delegazioni nazionali che partecipano alla kermesse canora di questo anno, la piazza del Municipio di Vienna si è trasformata nell'Eurovillage, una via formata dagli stand promozionali di alcuni Paesi – per l'Italia quello della Regione Abruzzo – alternati a punti di ristoro e di musica del folklore austriaco.

Davanti al Rathaus (v. album fotografico sotto), il palazzo comunale, è stato allestito un palcoscenico ispirato al padiglione della Secessione, edificato alla fine dell'Ottocento sul viale circolare (il “Ring”) che segna la divisione tra il centro storico e l'espansione urbanistica del XX secolo: sotto la finta cupola dorata, un gigantesco schermo trasmette continuamente immagini delle varie edizioni dell'Eurovision Song Contest.

Nel frattempo continuano prove, conferenze stampa e party: lunedì sera, all'Euroclub, si è svolta la festa per il rappresentante israeliano che da sempre è tra quelle più partecipate: qui si sono incontrati per un caloroso saluto “per un bocca al lupo” i ragazzi del Volo e il cantante svedese Mans Zelmerlow, i due favoriti per la vittoria finale (v. foto nell'album sotto).

E “un bocca al lupo” lo auguriamo alle sedici canzoni che martedì sera saranno sottoposte alla prima selezione per il passaggio alla finale di sabato.
Le presentiamo in ordine di esibizione (in Italia, ricordiamo, che la serata sarà trasmessa in differita mercoledì 19 maggio, alle ore 22.40, su RAI 4).
Eurovision Song Contest 2015

MOLDAVIA - Eduard Romanyuta. Negli ultimi anni, una delle nazioni protagoniste dell'ESC è stata l'Ucraina; ma quest'anno, per i noti problemi politici ed economici, non sarà presente a Vienna. Tuttavia a rappresentare la Moldavia ci sarà il ventitreenne ucraino Eduard Romanyuta, dai capelli lunghi e biondi, con il brano I want your love, che ha vinto grazie al televoto. Cantante pop, dance e soul, Eduard, ha partecipato alla selezione del suo Paese del 2011 e del 2012 e in passato ha partecipato a numerosi concorsi in Europa vincendoli.

ARMENIA – Genealogy. Una delle canzoni “memoria” dell'Eurovision Song Contest di questo anno è presentata da un gruppo armeno appositamente formato per l'evento musicale. Nel video-clip della canzone Don't Deny, titolo cambiato in “Face the shadow”, passano le immagini di una numerosa famiglia del primo Novecento, i cui membri diminuiscono un po' alla volta a significare il genocidio compiuto dai Turchi contro gli Armeni nel 1915-16. La cantante Inga Arshakyan, che con la sorella Anush partecipò all'ESC 2009 ottenendo il nono posto, è accompagnata da artisti internazionali provenienti da tutti i continenti per far sì che quel tragico evento non possa mai essere cancellato dalla memoria di ogni cittadino del mondo: con Inga ci saranno infatti il franco-russo Essai Altounian, la statunitense Tamar Kaprelian, l'etiope Vahe Tilbian, l'australiana Mary-Jean O'Doherty e Stephanie Topalian, residente in Giappone. Merita il passaggio in finale.

BELGIO – Loic Nottet. Uscito da “The Voice of Belge”, Loic Nottet (1996) porta a Vienna un brano senza dubbio azzardato per il pubblico dell'ESC, poiché non è nelle corde degli appassionati della manifestazione canora. Ma il pubblico ci riserva spesso delle sorprese e per questo motivo Ritmo interiore - questo è il titolo della canzone tradotto - potrebbe essere una canzone outsider; peccato, però, le troppe affinità con Royals di Lorde.

OLANDA – Trijntje Oosterhuis. Dopo il secondo posto a Copenaghen e la straordinaria Anouk a Malmo, l'Olanda si affidaquest'anno a Trijntje Oosterhuis, ritenuta una grande artista nazionale e fondatrice nel 1990 del gruppo “Total Touch” insieme al fratello Tjeerd che, malgrado il successo di pubblico, nel 2001 si è sciolto e Trijtje ha intrapreso l'attività di cantante solista. Il brano Walk along che presenta porta la firma di Anouk, di cui è anche produttrice.

FINLANDIA – Pertti Kurikan Nimipaivat. Il gruppo finlandese, nato a Helsinki nel 2009, è composto da Pertti Kurikka (chitarra), Sami Helle (basso), Toni Valitalo (batteria) e Kari Aalto (cantante), tutti affetti dalla Sindrome di Down. La loro partecipazione all'ESC 2015 è stata oggetto di discussioni sui social network fin dalla vittoria alla selezione nazionale avvenuta il 28 febbraio. Il loro è un rock durissimo che si traduce in una forma di protesta contro l'indifferenza verso chi è portatore di handicap: “aina num pitaa”, ovvero “devo sempre” è il titolo del pezzo, presentato in lingua finnica, che denuncia il mancato rispetto dei diritti civili e sociali per chi è colpito dalla sindrome. Le loro performance musicali, che si sono svolte con successo anche all'estero, costituiscono parte di un documentario (“La Sindrome di Punk”) che nel 2012 ha ottenuto importanti riconoscimenti.

GRECIA ­– Maria Elena Kyriakou. Un palmares pressochè inesistente per la cantante greco-cipriota che rappresenterà la Grecia a Vienna: infatti la sua carriera si può dire appena iniziata con la partecipazione a The Voice Greece e all'ESC. Una bella voce che ricorda quella di Celine Dion che Maria Elena, in un'intervista, ha dichiarato di voler incontrare.

ESTONIA  –  Elina Borg e Stig Rasta. Nell'anno dei duetti, l'Estonia presenta la coppia formata da una cantante uscita da Pop Idol e un musicista-produttore: sono Elina Born e Stig Rasta, entrambi già ex-finalisti della selezione estone in più edizioni. Sono alla loro prima esibizione insieme ma i due artisti hanno avuto modo di conoscersi in passate collaborazioni: Stig, infatti, è l'autore del testo che Elina presentò nel 2013 al concorso nazionale per aggiudicarsi la qualificazione all'ESC di Malmo. Goodbye to yesterday (Addio a ieri) è il titolo della canzone a due voci sulla fine di un amore dopo una notte trascorsa insieme e al mattino, senza svegliarla, lui decide di andarsene per ridare la libertà all'amata. E' quasi scontato il passaggio in finale.

FYR MACEDONIA – Daniel Kamaikoski. Vincitore di “X Factor Adria” nel 2013 e del Festival di Skopje 2014, che gli ha consentito di andare a Vienna a rappresentare il suo Paese, il trentaduenne Daniel Kamaikoski ha con la capitale austriaca uno stretto legame: a 7 anni vi giunse con la famiglia e, dopo essere tornato per un lungo tempo in Macedonia, vi si è stabilito per lavoro senza tuttavia tralasciare la musica. La sua canzone, composta dallo svedese Joacim Persson e presentata in lingua inglese (Autumn leaves), è accompagnata da un toccante video animato con una giovane coppia di innamorati che ricordano i noti fidanzatini di Peynet: a realizzare i disegni è la mano di Daniel.





SERBIA – Bojana Stamenov. Dopo un anno di assenza dall'ESC, la Serbia entra di nuovo in gara con una cantante uscita dalle ultime edizioni dei talent nazionali. La voce di Bojana Stamenov ha grande potenza: nel suo Paese la paragonano addirittura ad Aretha Franklin per lo stile soul, jazz e funk, unito anche all'electropop. Il brano che ha vinto la selezione nazionale, in lingua serba ma a Vienna ci sarà la versione in inglese, è stato composto da Vladimir Graic che con Molitva, interpretata da Marija Serifovic, vinse l'ESC nel 2007; il testo, invece, porta la firma di Leontina Vukomanovic, autrice di Lane Moje che nel 2004 sfiorò la vittoria a Istanbul con la suggestiva permonce di Zelico Joksimov.

UNGHERIA – Boggie. Nel 2010, la cantante Boglárka Csemer e il tastierista Áron Sebestyén hanno dato origine al gruppo Boggie composta anche dai musicisti Tamás Szabó (batteria), Mihály Simko-Várnagy (basso e violoncello elettrico) e Izsak Farkas (viola elettrica). Due album all'attivo: il primo album è del 2013, il secondo dello scorso anno; il video del singolo Nouveau Parfum ha avuto milioni di visualizzazioni. Forte di questi successi, hanno tenuto concerti in Europa e a New York. Il tema del brano, che ha vinto la selezione magiara per Vienna, è un chiaro monito all'inutilità delle guerre (Wars for Nothing): “Tu sai che la nostra terra è un disastro?”, sono le parole che ricorrono più volte nel testo.

BIELORUSSIA  – Uzari/Maimuna. La sabbia del tempo scorre dentro ad una grande clessidra di vetro: è l'immagine del video con cui Jurij Navrotskij, in arte Uzari, accompagnato da Maimuna, ha staccato il biglietto per Vienna con la canzone Time. Il televoto, tuttavia, non li aveva premiati come invece ha fatto la giuria tecnica, ritendendo il brano alla portata del palcoscenico eurovisivo. Cantante, compositore e produttore lui; violinista lei: un duo per una canzone che passa da una melodia un po' malinconica e un ritmo dance.

RUSSIA – Polina Gagarina. Punta in alto la Russia con una delle voci più popolari dell'est europeo: Polina Gagarina, diplomata alla Scuola di Musica di Stato. Nel 2003, all'età di 16 anni, vinse il talent “Star Factory 2” e da allora ha raccolto non pochi riconoscimenti. Alla musica unisce anche altre attività, come quelle di attrice e modella. “Un milione di voci” è il titolo tradotto della canzone che presenta a Vienna: un inno alla vita con bambini e colori che animano il video ufficiale del brano realizzato da un'equipe internazionale composta da russi, svedesi e un australiano. Stando ai pronostici, è' tra le canzoni che avranno più consensi da parte del pubblico.

DANIMARCA – Anti Social Media. “The way you are” è il titolo del brano con il quale un quartetto di giovani ragazzi danesi si è imposto nella selezione nazionale.Il gruppo è così composto: Philip Tornhill (19 anni, voce), Nikolaj Tøth (19 anni, chitarra), David Vang (25 anni, basso), ed Emil Vissing (24 anni, percussioni). L'immagine che danno è quella di bravi studenti che decidono di esibirsi per gioco, così come nelle sequenze del video dove si divertono ora in un salone di bellezza, ora in un magazzino ora in un selfservicewash. La canzone, tra pop e rock, può richiamare alla memoria le prime esibizioni del noto gruppo di Liverpool...più di cinquanta anni fa.

ALBANIA – Elhaida Dani. Il 29 marzo 2013 una giovane cantante albanese si esibì davanti a Raffaella Carrà, Noemi, Piero Pelù e a Riccardo Cocciante, giudici-coach a “The Voce of Italy”; due mesi più tardi vinse la prima edizione italiana del talent-show: era Elhaida Dani. Dopo aver rifiutato di partecipare al Festival di Sanremo 2014, perchè poco entusiasta dei brani che le erano stati assegnati, è riuscita ad aggiudicarsi il posto per Vienna con la vittoria riportata nella cinquantatreesima edizione del concorso nazionale della canzone con il brano I'm alive.

ROMANIA – Voltaj. Un tema sociale che ancora attanaglia la Romania – quello dei bambini lasciati dai genitori che emigrano all'estero – costituisce il testo del brano che il gruppo Voltaj presenta a Vienna. Nel video ufficiale c'è un bambino che sogna di raggiungere la capitale austriaca, dove si trovano i suoi genitori; il viaggio immaginario lo compie da solo con una barca, solcando le acque del Danubio. “De la capat” (dall'inizio) è un pezzo in lingua rumena e in inglese. Ci auguriamo il passaggio in finale.

GEORGIA – Nina Sublatti. Ventenne, nata a Mosca da genitori georgiani, Nina Sulaberidze ( in arte Nina Sublatti), dopo gli studi artistici e diplomata in pianoforte, è approdata nel 2013 al “Sakartvelos Varskvlavi”, la versione georgiana di “Idol”, vincendolo. La canzone che presenterà a Vienna si intitola Warrior (Guerriero): in un'intervista Nina ha detto che il brano è dedicato alle donne del suo Paese che sanno educare i propri figli ad avere un forte temperamento come quello che vogliono esprimere le donne-guerriere che compoaiono nel video ufficiale. Musicalmente, il brano appartiene al genere del “syntpop”, caratterizzato da diverse influenze e fusioni stilistiche attraverso innovazioni elettroniche.

Vienna 18 maggio 2015
Claudio Casini

ARCHIVIO: tutti gli articoli.

Charts of the week: settimana n.21 anno 2015


Coniuga insieme a noi il verbo della musica al presente e al futuro


Week n.21 del 2015 con vette che avete potuto non solo leggere e vedere all'interno della playlist della MusiclandOnTheWeb settimanale n.146.

A seguire, così come accade in ogni appuntamento fisso del Martedì, tutti i dettagli delle 5 charts complete per scoprire anche le New Entries e le variazioni piu' significative, iniziando come sempre da quelle USA.


Wiz Khalifa and Charlie Puth con 'See You Again' si confermano in vetta per la 5a week consecutiva. Il record da battere per l'anno in corso è firmato Mark Ronson e Bruno Mars con 'Uptown Funk(14 weeks consecutive).

Segnalazioni: 7 NE. 2 brani della TOP10 che rosicchiano 1 posizione. La piu' alta NE al n.29 firmata da un'accoppiata femminile che promette bene.

A seguire tutte le N.E. e le variazioni più importanti nella TOP100: (in ordine, posizione attuale, posizione settimana scorsa e, dopo  interprete e titolo, posizion e poiu' alta raggiunta e numero di weeks in chart. A seguire, in caso di ns Preview/Tormento, il link di quest'ultima):

03 04 the weeknd earned it (fifty shades of grey)  03 20
09 10 ed sheeran thinking out loud 02 31
10 11 flo rida featuring sage the gemini and lookas g.d.f.r.  08 26
29 ne britney spears and iggy azalea pretty girls 29 01
47 63 omi cheerleader (felix jaehn remix)  47 03
52 ne major lazer featuring dj snake and mø lean on 52 01
54 79 mumford and sons believe 31 09
78 ne miguel coffee 78 01
85 97 brantley gilbert one hell of an amen 85 02
87 ne shaggy featuring mohombi, faydee and costi i need your love 87 01
89 ne jidenna and roman gianarthur classic man 89 01
93 ne nicki minaj the night is still young 93 01
99 ne sawyer fredericks shine on 99 01




La versione remix di 'Cheerleader', brano firmato OMI, porta a 3 il numero di weeks consecutive di vetta.

Il record 2015 da battere resta quello firmato Mark Ronson e Bruno Mars con 'Uptown Funk' e 7 weeks (di cui 6 consecutive).

Segnalazioni: sono 8 le NE  di this week. Una delle ns ultime segnalazioni (v. 'prove' sotto), direttamente sul podio, un'altra vicinissima. Bel salto in avanti per D.Guetta and friends e per T-Wayne.



Tutti i dettagli sotto all'interno della consueta analisi settimanale (in ordine, posizione attuale, posizione settimana scorsa, titolo, artista, posizione massima raggiunta in chart, numero di settimane di presenza in classifica e, in caso di ns Preview/Tormento, il link di quest'ultima):

02 Ne BILLS LUNCHMONEY LEWIS 02 01
04 Ne RUNAWAY (U & I) GALANTIS 04 01
17 47 HEY MAMA DAVID GUETTA/N MINAJ/AFROJACK 17 04
41 74 NASTY FREESTYLE T-WAYNE 41 03
70 Ne RIVERMAN NOEL GALLAGHER'S HIGH FLYING 70 01
73 Ne C'EST LA VIE STEREOPHONICS 73 01
76 84 SOMEBODY NATALIE LA ROSE FT JEREMIH 76 03
77 90 BIG GIRLS CRY SIA MONKEY 77 05
83 Ne LOVE AGAIN RAE MORRIS 83 01
89 Ne EVERYDAY ASAP ROCKY/ROD STEWART/MIGUEL 89 01
95 Ne CALIFORNIA DREAMIN' SIA 95 01
99 Ne FIVE MORE HOURS DEORRO & CHRIS BROWN 99 01




Wiz Khalifa and Charlie Puth con 'See You Again' si confermano anche qua per la 5a volta consecutiva (2a chart capitanata contemporaneamente, 2 su 3).

Il record da battere per il 2015 firmato Hozier con 'Take Me To Church' (7 weeks consecutive).

Segnalazioni: 1 sola NE. Oltre la TOP20, da segnalare 2 bei balzi in avanti firmati J-Ax e (ancora) R. Schulz.

A seguire tutte le N.E. ed i passi in avanti più importanti nella TOP20: (posizione attuale, settimana scorsa, settimane di permanenza in chart e, in caso di ns  Preview/Tormento, dopo il nome dell'artista, il link a quest'ultima);

03 05    08 LEAN ON MAJOR LAZER FEAT. DJ SNAKE & MØ
06 80 02 EVERYTIME THE KOLORS                  
07    14 07 L'AMORE ETERNIT FEDEZ                
08 10 09 WANT TO WANT ME JASON DERULO          
16 63 02 EL MISMO SOL ALVARO SOLER            
18 NE 01 ESISTENDO BRIGA                      
31 54 02 MARIA SALVADOR J-AX                  
37 48 04 HEADLIGHTS ROBIN SCHULZ FEAT. ILSEY  

         

Wiz Khalifa and Charlie Puth si confermano in vetta anche a questa chart per la 4a volta consecutiva. E' la 3a capitanata contemporaneamente this week (e siamo così a 3 su 4).

Il record 2015 da battere è firmato Ellie Goulding che con 'Love Me Like You Do' ha comandato la classifica per 9 weeks consecutive.

Segnalazioni: this week nessuna NE nella TOP100. Complimenti ai The Kolors che con un +50 salgono nella metà piuù alta della classifica; piu' in basso troviamo, invece, Briga e J-Ax. Piccolo salto in avanti anche per la 'nostra' Giulia Luzi.

A seguire le N.E. ed i passi in avanti più importanti nella TOP100: in corsivo quelli relativi brani italiani presenti nella TOP200 (posizione attuale, settimana scorsa, numero di weeks in chart, titolo, interprete e, in caso di ns preview, il link di quest'ultima):

3 4 11 LEAN ON Major Lazer
4 5 19 FIRESTONE Kygo
6 7 26 ARE YOU WITH ME Lost Frequencies
09 10 09 WANT TO WANT ME Jason Derulo
31 47 03 WIE SCHÖN DU BIST Sarah Connor
36 58 06 WHERE ARE Ü NOW Skrillex
40 68 03 EST-CE QUE TU M'AIMES Maître Gims
41 64 03 TRAFFIC LIGHTS  Lena
44 94 02 EVERYTIME The Kolors
48 80 03 EL MISMO SOL Alvaro Soler
52 103 02 ALL CRIED OUT Blonde
61 166 06 BILLS Lunchmoney Lewis
64 86 03 SUPERGIRL Anna Naklab
68 83 03 SOMEONE NEW Hozier
72 113 02 ESISTENDO Briga
73 109 02 TALKING BODY Tove Lo
77 100 03 MARIA SALVADOR J-Ax 
80 102 03 ON VERRA Nekfeu
81 143 02 SOMETHING ABOUT YOU Hayden James
89 123 07 LE CHANT DES SIRÈNES Fréro Delavega
92 136 02 BOOM BOOM BOOM K.I.Z.
96 131 02 BANG THAT Disclosure
97 104 03 L'AMORE CHE TORNA Giulia Luzi 





Wiz Khalifa and Charlie Puth con 'See You Again' si confermano in vetta per la 5a week consecutiva (concludendo, 4 su 5).

Anche qua, come in USA e UK, l' 'Uptown Funk' di Mark Ronson e Bruno Mars con 16 weeks non consecutive di vetta, resta il record 2015 da battere. 

Segnalazioni: 4 NE ma tutte al fuori della TOP10. Ma se nelle singole chart nazionali ci sono poche variazioni, anche quella complessiva, che ne rappresenta la sommatoria, risulta piatta.

A seguire come sempre le N.E. e i passi in avanti più importanti nella TOP40: (posizione attuale, posizione sett scorsa, di due weeks ago, settimane di permanenza in chart e, dopo il titolo e l'interprete, in caso di ns  Preview/Tormento, il link di quest'ultima):

03 04  05 17    Cheerleader (Felix Jaehn Remix) - Omi
07 08  11 08    Shut Up And Dance - Walk The Moon
17 NE              Pretty Girls - Britney Spears feat. Iggy Azalea
19 29  37 04    Where Are Ü Now - Skrillex & Diplo feat. Justin Bieber
20 35  39 03    Talking Body - Tove Lo
36 NE              Timeless - V6
40 NE              Worth It - Fifth Harmony feat. Kid Ink










Stefano Barsotti