lunedì 16 settembre 2019

AUTUMN DISCO PROJECT: ascolta la numero -3 andata in onda LU 16 09 1985

Il 1985 è uno dei primi anni che abbiano a disposizione all'interno del nostro immenso archivio ormai da tempo (e dopo molto tempo impiegato per poterlo realizzare) digitalizzato per permettere a tutti di riascoltare non solo la bella musica del passato ma anche modi di dire, ricordare eventi, fatti, situazioni che altrimenti resterebbero racchiusi nel dimenticatoi.

Questa fù la puntata "-3": Tre trasmissioni che fecero da anteprima a quella che poi fù la colonna sonora dell'autunno 1985 ('WINTER DISCO PROJECT' di cui sotto a destra, la copertina). Trasmissione irradiata dalle famosissime frequenze di Radio Antenna Centro Città 88.8 stereo che raggiungevano tutta la Toscana e anche di più.

Sono passati quasi esattamente 34 anni e poterla riascoltare ci da davvero i brividi: in alcuni casi le parole del DJSTEVEBi poco dopo l'inizio (esattamente dopo 5'e30") e il 45gg di Madonna 'Dress You Up' non sono davvero una novità: " forse l'autunno sta davvero per arrivare" (Beh la storia, le stagioni, si ripetono, no?!)


Una 'novità' può essere per i più giovani ascoltare quelle subito dopo quando lo speaker ricorda che per potergli telefonare era necessario "comporre il 55443 prefissato dallo 0583 per chi chiama da fuori distretto di Lucca" (a 6'e20" dall'inizio).

Insomma un primo DJSTEVEBi assolutamente da non perdere così come i suoi saluti  fatti agli ascoltatori all'interno di quei 90 minuti davvero incredibili: soprattuto per la qualità musicale contenuta. Pensate che non era una selezione musicale appositamente creata scegliendo i brani più belli ma semplicemente passando quelli che in quel periodo stavano andando per la maggiore. Tutti belli. Diciamo quasi che era possibile pescarli a caso. La qualità tradiva davvero in pochissimi casi.

A proposito: ecco un altro esempio di che cosa (ri)ascolterete: quella che fu la 'nuova' di un RAF agli esordi: stiamo parlando di 'I don't wanna lose you now' (presentata al 35').


Buon ascolto!

Stefano Barsotti